Patologie della congiuntiva

Pterigio

pterigio
pterigio

Lo Pterigio è una condizione patologica frequente della superficie oculare, appare clinicamente come una massa triangolare posta nella fessura interpalpebrale che copre in parte la cornea, localizzata più comune nel settore nasale con crescita lenta ma progressiva e può causare la riduzione della vista per perdita della trasparenza corneale o per deformazione della cornea.
Sui meccanismi patogenetici dello pterigio sono state effettuate diverse teorie, la più accreditata è quella dell’aumento dell’incidenza nei pazienti maggiormente esposti ai raggi UV.Lo pterigio è molto più comune in alcune popolazioni: nei soggetti che vivono nelle zone equatoriali tra il 37° parallelo nord e sud.e in chi lavora all’aperto, soprattutto se l’attività si svolge vicino a superfici riflettenti,.
Il paziente può accusare sensazione di corpo estraneo, lacrimazione, bruciore, e fastidi alla visione notturna.
Il trattamento è chirurgico, si opera nei casi di:

  • diminuzione della capacità visiva;
  • limitazione della motilità oculare;
  • evidente crescita documentata dall’oculista;
  • spiccata sintomatologia soggettiva - irritazione, bruciore, fastidio;
  • motivazioni estetiche.

L’intervento consiste nella rimozione della testa e di parte del corpo dello pterigio, accurata ed estesa rimozione del tessuto fibrovascolare, e successivamente si procede al prelievo della congiuntiva superotemporale e sutura del graft congiuntivale nella zona di sclera esposta con sutura riassorbibile o con colla tissutale.
La zona di prelievo guarirà nell’arco dei 30 giorni successivi all’intervento chirurgico. L’ intervento si svolge solitamente in regime ambulatoriale e non richiede degenza, salvo complicazioni o motivi eccezionali.

Cisti congiuntivali

Piccole cisti piene di siero si possono formare nello spessore della congiuntiva. Non si vedono ad occhio nudo, a meno che non siano particolarmente grandi e allo stesso modo non danno fastidio e nessun disturbo, se non aumentano di dimensione.
Possono essere tolte completamente con un piccolo intervento chirurgico, oppure possono essere bucate con un ago sottilissimo svuotando il contenuto sieroso.

Share by: